SQUILIBRI

Amate le caffettiere
E lasciate perdere il poeta

Meglio il rogo d’ alluminio
Che l’inaffidabilità

Grande il cuore di metallo
il borbottare silenzioso

v’inebri la canna fumaria
la piccola industria del profumo

non
il poeta

tra i folli amate il trapezista
il Dio che sta nel suo piede

a volte il cancro
si afferra alle ginocchia

nega al colombo
le vie d’ equilibrio

in tutto ciò amate
il confine

non i poeti

il culo triste
ai trionfi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...